I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare

I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare
I nuovi Chronomat hanno una storia da raccontare

vi presentiamo il GMT 40 e il «Super» 38

Breitling ha appena svelato i due nuovissimi membri della famiglia Chronomat – il Chronomat Automatic GMT 40 e il Super Chronomat Automatic 38 – e queste recentissime novità hanno tanto da offrire oltre all’adattabilità a qualsiasi polso.

Dal suo rilancio nel 2020 il Chronomat è diventato un best seller per Breitling. Si presenta con una gamma di dimensioni che vanno da importanti cronografi da 44 mm da un lato, fino ai ben equipaggiati modelli a tre lancette da 32 mm dall’altro; mancava soltanto una dimensione intermedia. Oggi Breitling completa l’assortimento svelando il nuovo Chronomat Automatic GMT 40­ 

e il Super Chronomat Automatic 38 in diametri ideati per adattarsi a qualsiasi polso. 

E oltre alle nuove dimensioni di diametro, questi modelli hanno anche altre interessanti caratteristiche: il Chronomat Automatic GMT 40 sostituisce il cronografo dei modelli più grandi a favore di una complicazione a doppio fuso orario e dall’aspetto semplificato, mentre la gamma Super Chronomat Automatic 38 è caratterizzata da una lunetta sovradimensionata con diamanti e presenta il primissimo orologio tracciabile di Breitling.   

«Con questa nuova versione, riscriviamo le definizioni del Chronomat e Super Chronomat e diamo a questi esemplari una personalità tutta loro», dichiara il CEO di Breitling Georges Kern. 

E aggiunge: «Ma ancora una volta questa è una collezione già nota per superare i confini.»

La storia del Chronomat inizia con la ben nota crisi del quarzo degli anni ’70, quando l’orologeria tradizionale subì un cambiamento radicale a seguito della commercializzazione di movimenti al quarzo, più precisi e convenienti. Ma nel corso del successivo, turbolento decennio, almeno una categoria di consumatori rimase fedele ai cronografi meccanici: i piloti. Nel 1983, la pattuglia nazionale italiana di volo acrobatico delle Frecce Tricolori avviò una collaborazione con Breitling per disegnare e creare insieme un orologio che potesse soddisfare le esigenze del team: abbastanza robusto per la cabina di pilotaggio, ma sufficientemente elegante da poter essere indossato fuori servizio. 

L’orologio sportivo multifunzione che ne scaturì riuscì a soddisfare queste aspettative, semplicemente introducendo elementi che sarebbero poi diventati i suoi più celebri tratti distintivi: quattro cavalieri rialzati ai 15 minuti per proteggere il cristallo e un bracciale Rouleaux in acciaio progettato per essere comodo e durare a lungo. L’orologio delle Frecce Tricolori fece scalpore al momento del lancio e, un anno dopo, venne presentato al pubblico con il nome di Chronomat. È stato un momento distintivo nell’orologeria, che ha segnato la fine della crisi del quarzo e un ritorno ai segnatempo meccanici. Arrivando velocemente ai giorni nostri, questa famiglia di orologi fa di nuovo sentire la propria presenza. 

Stile globetrotter: Chronomat Automatic GMT 40 

Le città si sono aperte, un mondo che è stato privato dei viaggi ha di nuovo voglia di rimettersi in movimento e, alla luce di tutto ciò, le complicazioni GMT sono tornate alla grande. Prendendo il nome dal Greenwich Mean Time, lo standard internazionale di fuso orario originale, il Chronomat Automatic GMT 40 è il tributo di Breitling ai viaggi, non soltanto per il doppio fuso orario, ma anche per la sua estetica semplice. 

I raffinati colori del quadrante nero, blu, verde, antracite e bianco, combinati con una cassa e un bracciale interamente in acciaio, si adattano a qualsiasi guardaroba. Breitling ha poi optato per una scala di 24 ore tono su tono per far parlare la lancetta GMT rossa.

La complicazione GMT è alimentata dal Calibro Breitling 32. La sua scala di 24 ore permette a chi lo utilizza di vedere un secondo fuso orario e sapere subito se è giorno o notte. La sua corona «a cipolla» (una classica caratteristica del Chronomat così chiamata per la sua forma a cupola scanalata) garantisce una facile impugnatura. Come orologio sportivo multifunzione, ideato per passare tra i diversi universi di Breitling, cielo, terra e acqua, il GMT 40 è impermeabile ben fino a 200 metri.

In qualità di «orologio per qualsiasi occasione», la missione del Chronomat è più vera che mai, grazie alle pratiche dimensioni del GMT 40 e al suo stile all’insegna della discrezione. Abbastanza robusto per la palestra, ma sufficientemente smart per uno smoking: se c’è un orologio da portare in viaggio è proprio questo.

Bello e audace: Super Chronomat Automatic 38

Il Super Chronomat Automatic 38 è ideato per farsi notare: sia abbinato a un elegante completo, sia su t-shirt e jeans. Si può distinguere un «Super» dal resto della famiglia Chronomat per i suoi cavalieri e la sua corona in ceramica e per il cinturino Rouleaux in caucciù con la sua linea ben definita. 

Un altro elemento distintivo e luminoso: i diamanti sovradimensionati coltivati in laboratorio che contornano la sua lunetta in oro rosso 18 carati o in acciaio inossidabile. I tre colori del quadrante (argento, verde menta e blu ghiaccio) aggiungono proprio quel tocco giusto per rifarsi gli occhi. La tonalità preferita si può abbinare a un cinturino Rouleaux in caucciù, un bracciale Rouleaux in metallo lucido o un cinturino in pelle di coccodrillo a scelta. 

All’interno della gamma troviamo anche il primo orologio tracciabile di Breitling, il Super Chronomat 

Automatic 38 Origins, con oro artigianale e diamanti coltivati in laboratori da fonti che rispettano i nuovi standard di riferimento del settore. [Leggi qui la storia completa.]

L’Automatic 38 supporta la #SQUADONAMISSION to do better di Breitling: un impegno per creare prodotti ed esperienze di una certa bellezza, gestendo l’impatto sociale e ambientale lungo tutta la catena di creazione del valore. Questa missione implica la transizione entro il 2025 dell’intero portafoglio di prodotti del marchio verso oro artigianale e diamanti coltivati in laboratorio da fonti responsabili.

Scopri la squad all-star

Una collezione come il Chronomat richiede una #SQUADONAMISSION di Breitling dedicata che sia all’altezza della sua potenza e del suo stile. La nuova squad all-star di Breitling è composta da quattro superstar dello sport che rappresentano l’eccellenza in ognuna delle proprie discipline. Proprio come il Chronomat Automatic GMT 40 e il Super Chronomat Automatic 38, anche Erling Haaland (calcio), Giannis Antetokounmpo (basket), Chloe Kim (snowboard) e Trevor Lawrence (football americano) ci mostrano cosa significhi essere sempre attivi e dinamici. Che si stiano allenando per una partita in casa o stiano giocando per vincere in giro per il mondo, hanno bisogno di un orologio che vada ovunque, ma rimanga radicato a casa. La campagna della squad all-star ci riporta a vivere quel momento per cui si sono duramente allenati durante la loro carriera – il gol, la schiacciata, il salto, il passaggio – e ci mostra la sensazione di vivere quel momento.  

«Mi piace ciò che il GMT rappresenta. Significa che puoi essere in un posto anche quando tu sei altrove», afferma Erling Haaland che ha scelto il Chronomat Automatic GMT 40 con quadrante bianco. E aggiunge: «Nel mio caso, si tratta di casa mia in Norvegia.» 

E parlando del Super Chronomat Automatic 38 in acciaio inossidabile con quadrante blu ghiaccio, Chloe Kim ha dichiarato: «Per me, paladina della sostenibilità, è importante che questo orologio abbia una coscienza sociale. I diamanti coltivati in laboratorio consentono un livello di tracciabilità, di origine responsabile e di sostegno alle comunità: aspetti che non sono sempre stati presenti prima nell’industria del lusso.»

Dopo aver rivoluzionato le carte in tavola e aver interrotto la crisi del quarzo, il Chronomat è diventato un tuttofare di stile con una storia da raccontare: il segnatempo che ha avuto inizio con le Frecce Tricolori ha lasciato un’eredità nel mondo dell’orologeria. Ora, a 40 anni di distanza, è chiaro che il Chronomat sia destinato a restare.